IMG 5897
...
21 Dicembre Dic 2016 1244 8 months ago

I prossimi interventi straordinari all’interno del Duomo

Uno sguardo sui futuri lavori della Veneranda Fabbrica in Cattedrale

I Grandi Cantieri della Veneranda Fabbrica proseguono nel loro infinito lavoro, continuando una storia senza tempo, fatta di passione e scelte coraggiose, ma irrinunciabili.

Il progetto di rifacimento dell’intero impianto d’illuminazione della Cattedrale si sta ora completando con l’intervento su quello elettrico: un impegno enorme e delicatissimo per le sue molteplici complessità come, ad esempio, la coesistenza con gli arredi lignei delle Sacrestie. Proprio le due Sacrestie, nonché la Cappella Iemale, saranno oggetto di un importante restauro nel corso del 2017. L’invito, formulato dall’Arciprete, a intervenire su parti così significative per la vita religiosa del Duomo e bisognose di attenzione, ha immediatamente incontrato la sensibilità della Direzione della Veneranda Fabbrica, che ha già avviato quanto necessario per provvedere con tempestività. E sempre su richiesta dell’Arciprete, all’inizio del nuovo anno, il bookshop della Cattedrale sarà spostato dall’interno del Duomo per essere collocato altrove.

La Sacrestia meridionale (o Capitolare), a due campate coperte da volta a crociera, riservata alle celebrazioni dell’Arcivescovo e del Capitolo Metropolitano, che qui un tempo teneva anche le sue adunanze, custodisce la maggior parte delle Reliquie e delle suppellettili liturgiche in uso in Cattedrale. Per tale motivo, essa è un autentico scrigno di tesori di arte e di fede, dove nella bellezza dell’architettura – a partire dallo splendido portale opera della bottega di Hans Fernach, risalente al 1391, sino ai raffinati intagli lignei – è descritta la storia stessa della Fabbrica del Duomo.

Proprio a ridosso dell’ingresso della Sacrestia meridionale, da tempo immemorabile, si provvede all’accensione del fuoco necessario per preparare il turibolo contenente la carbonella per le celebrazioni: la Fabbrica intende localizzare un luogo più consono per compiere tale operazione anche per proteggere il marmo dall’inevitabile annerimento delle superfici.

Come attestano i ritrovamenti strutturali, la Sacrestia settentrionale o “delle Messe”, nota anche come Aquilonare, cuore della vita liturgica quotidiana della Cattedrale, può essere ritenuta la vera e propria “sorgente” del monumento. Da qui iniziò, infatti, la costruzione del Duomo e in questo luogo si conserva l’unica e importante testimonianza delle sue radici in cotto lombardo, prima della svolta gotica, con l’impiego del marmo di Candoglia, voluta da Gian Galeazzo Visconti. La struttura della Sacrestia appare come unitaria, formata da due campate, distinte da piloni semicircolari a parete e coperte da volte a crociera. All’interno, è di pregevole fattura il pavimento intarsiato, con motivo a stelle, risalente all’inizio del Quattrocento.

I lavori previsti impegneranno inoltre la Cappella Iemale, posta sotto il presbiterio carolino. Tale luogo è di grande importanza per il Capitolo Metropolitano, che ogni giorno vi celebra l’Eucaristia e la Liturgia delle Ore. Il restauro interesserà tutti gli spazi e la realizzazione di un impianto di condizionamento, migliorandone la fruibilità, vista la particolare strutturazione del luogo.

La Veneranda Fabbrica sta inoltre effettuando un radicale intervento presso la propria sede, all’interno del Palazzo dell’Orologio, bisognosa di urgenti ristrutturazioni, che riguarderà anche l’annessa chiesa di Santa Maria Annunciata in Camposanto, proseguendo così nel grande progetto di recupero delle chiese sorte attorno alla Cattedrale.

Lo spostamento – fortemente voluto dall’Arciprete Mons. Gianantonio Borgonovo – del bookshop, significativa fonte di risorse per la Fabbrica, non arresterà la determinazione nel raggiungimento di questi grandi obiettivi.

La Veneranda Fabbrica, a fronte di un impegno annuale di oltre 30 milioni di euro, continuerà infatti a farsi carico dell’80% dei costi totali di gestione, onorando ancora una volta gli scopi che ne hanno caratterizzato la fondazione, convinta che le istituzioni – consapevoli del ruolo che la Cattedrale riveste quale protagonista per quanto riguarda il turismo e l’immagine della città nel mondo – garantiranno nei prossimi anni almeno quel 20% di copertura indispensabile per affidare questo straordinario patrimonio alle nuove generazioni.

Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano
Il Direttore
Prof. Gianni Baratta