Copyright MASSIMO ZINGARDI Chiesa Di San Gottardo In Corte2

Cappella Palatina di San Gottardo in Corte

La Fabbrica del Duomo, dopo aver restaurato parte del Palazzo Reale, sede del Museo del Duomo, si è fatta carico anche dei restauri nella attigua chiesa di San Gottardo in Corte, restituendola a Milano.

Come si vede in una planimetria conservata nell’Archivio della Fabbrica del Duomo, firmata da Tolomeo Rinaldi (1604), la chiesa e il campanile, a “torre guglia”, sono situati in angolo al palazzo: su progetto di Francesco Pecorari da Cremona, nel 1336 furono offerti alla città da Azzone Visconti.

Caratterizzata da decisa squadratura architettonica, la chiesa è costituita da una sola navata connessa a un’abside semiottagonale: l’interno conserva l’aspetto settecentesco, così come realizzato durante la ristrutturazione del palazzo.  

I restauri hanno riportato in luce le tinte chiare di tutte le pareti, già nascoste da pesante patina scura, rivolgendosi anche al mausoleo di Azzone Visconti, scolpito da Giovanni di Balduccio (a sinistra dell’altar maggiore), e al grande affresco con la Crocefissione (in controfacciata), dipinto da un seguace di Giotto, entrambi databili dopo il 1340.