Zeppo #AlfabetoDuomo
...
25 Agosto Ago 2017 1600 3 months ago

#AlfabetoDuomo Z come Zeppo

Un viaggio insieme per conoscere le curiosità della Cattedrale

Zeppo o zepo è un termine che ricorre con grande frequenza nei preziosi libri contabili dei primi anni di attività della Veneranda Fabbrica, a partire dal 1387. Come ci spiegano gli Annali nell’utilissimo glossario in appendice, il termine indicava un «ceppo o troncone di legno vuoto da riporvi elemosine ed offerte».

Tali zeppi furono disposti alle porte non solo dell’antica basilica di Santa Maria Maggiore, intorno alla quale stava muovendo i primi passi il grandioso cantiere del Duomo, ma anche a quelle delle chiese di Santa Tecla, di San Simpliciano, San Lorenzo Maggiore, Sant’Ambrogio. Tutta la città infatti, con le generose offerte donate dai più ricchi fino ai più umili, partecipò alla realizzazione della grande opera.

Nei antichi registri, conservati presso l’Archivio della Veneranda Fabbrica, sono annotate tutte le donazioni che, giorno per giorno, venivano raccolte in questi contenitori.

Ancora oggi la Cattedrale è espressione della volontà della città, dei sentimenti, della passione e delle paure dei milanesi che durante il corso dei secoli hanno contribuito e tuttora continuano a incidere nel marmo rosa di Candoglia una sfida eterna, creando un capolavoro che appartiene a tutti.

Scopri il progetto di raccolta fondi Adotta una Guglia a favore dei restauri del Complesso Monumentale del Duomo di Milano ed entra a far parte dell’Albo dei Donatori