Edizioni it en

7 Anni insieme, grazie!

Sette anni al nostro fianco per sostenere i restauri del Duomo di Milano

Cantiere Duomo Duomo Construction Site
7 Novembre Nov 2019 1153 07 novembre 2019

“Cari Donatori,

l’autunno rappresenta sempre un momento di inizi e partenze, un nuovo anno lavorativo tra i cantieri della Fabbrica è ripreso con grande vigore. Le maestranze, in questi mesi, sono impegnate in nuovi e molteplici lavori di restauro e conservazione del nostro Duomo e di tutto il patrimonio di arte e cultura, che la Chiesa Cattedrale custodisce.

Il 2019 è stato caratterizzato dall’avvio del restauro quadriennale del Grande Organo del Duomo di Milano, un colosso straordinario di arte e tecnica che necessita di un immediato intervento. La Fabbrica grazie al progetto “15.8000 Note per il Duomo” si augura di incontrare la partecipazione di nuovi e rinnovati donatori che permettano di proseguire questo importante progetto. Proseguono, inoltre, i lavori interni, gli interventi sulle terrazze e si registra una nuova fase dell’avveniristico cantiere del Tiburio, dal quale si staglia la Guglia Maggiore.

Guardando al futuro dei Cantieri e al nuovo anno che si affaccia con importanti sfide, non possiamo fare a meno di rivolgere a Voi tutti un accorato ringraziamento per il generoso sostegno e l’affetto dimostrato per il simbolo di Milano, con l’augurio che possiate sempre rinnovare la Vostra vicinanza al Duomo.”

Mons. Gianantonio Borgonovo​
Arciprete del Duomo

Presidente Dott. Fedele Confalonieri
Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano

UN CANTIERE SENZA SOSTA

RIDAI VOCE AL DUOMO DI MILANO: il restauro dell’Organo

L’anno 2019 è stato principalmente contraddistinto dalla partenza del nuovo cantiere all’interno della Cattedrale, volto alla tutela e salvaguardia del Grande Organo del Duomo. I primi lavori di restauro sono iniziati in primavera e proseguiti nei mesi estivi con la conclusione dell’accordatura stagionale di questo imponente strumento musicale. Il progetto difatti interesserà sia le parti meccaniche e impiantistiche, sia quelle lignee ed ornamentali, e a tal proposito è in corso anche il restauro delle casse e delle pregiate parti lignee presso lo Studio di restauro Quartana.

Gli interventi di restauro più urgenti, per salvaguardare il corretto funzionamento delle parti elettromeccaniche, partiti nel secondo semestre del 2019, interesseranno prima il lato nord fino a tutto il 2020 per poi proseguire nel biennio 2021-2022 a sud.

Il costo complessivo dell’intervento è di oltre 1,3 milioni di euro. Per supportarlo, è nata 15.800 note per il Duomo una campagna di raccolta fondi per sostenere il restauro dell’Organo, facendo appello a coloro che vogliono continuare a scrivere la grande melodia del Duomo ridando voce allo strumento.

I CANTIERI CHE SFIORANO IL CIELO

Per quanto riguarda i Cantieri esterni del Duomo, risulta essere in fase di ultimazione il restauro del Gugliotto Amadeo, mentre è in procinto di iniziare un cantiere analogo sull’ultimo dei quattro Gugliotti che contornano la Guglia Maggiore: il Gugliotto Cesa Bianchi, risalente alla fine del XIX secolo. Continua anche il lavoro di risanamento del fianco Sud della Cattedrale: completati molti degli archi rampanti, sulla fiancata che affaccia verso Palazzo Reale procedono i lavori di ripristino e pulitura delle pareti che si trovano in prossimità della facciata del Duomo.

Il cantiere del Basso Tiburio, in corso d’opera già dallo scorso anno, è la sfida ingegneristica che continuerà ad impegnare le maestranze nei prossimi mesi. Questo cantiere, necessario al completamento dell’audace restauro della Guglia Maggiore, è sicuramente il più ardito fra quelli in programma.

Se all’esterno procede il lavoro consueto di interventi strutturali sulle componenti marmoree, per poter eseguire il restauro all’interno si è realizzata un’articolata opera ingegneristica: dal ponteggio sospeso e issato all’interno della cupola, sopra l’Altare Maggiore scenderà una porzione di ponteggio, seminascosta dalla rete di protezione anticaduta, che consentirà di intervenire anche sulla superficie interna del Basso Tiburio.

Conclusosi il restauro delle vetrate 25 e 26, all’interno del Duomo procedono i lavori nelle due Sacrestie, le quali necessitano di adeguamenti agli impianti e agli arredi al fine di migliorarne la vivibilità, ma soprattutto di restauri ai paramenti e agli affreschi, ammalorati dal tempo e dagli agenti atmosferici. Si è inoltre dato avvio anche agli interventi di pulitura delle superfici interne della parete sud, nella porzione ricompresa nella prima metà di navata a partire dalla facciata, e del transetto interno nord.

L’ARCHIVIO: TRA CONSERVAZIONE E DIGITALIZZAZIONE

Notizie importanti anche dall’Archivio della Veneranda Fabbrica: si è infatti da poco concluso il restauro delle fotografie più preziose in esso conservate. Si tratta di 410 positivi realizzati con le prime tecniche di stampa fotografica: stampa su carta salata, all’albumina e al collodio.

Il lavoro è stato eseguito da una restauratrice specializzata in restauro di beni fotografici e cartacei che è intervenuta con lo scopo di eliminare i fattori responsabili di deterioramento presenti sulle varie parti dell’oggetto ovvero il supporto primario composto da emulsione fotografica e carta, ed eventuale supporto secondario: carta o cartoncino. Ora che il corpus di fotografie più antiche del Duomo è stato restaurato ed è stata migliorata la leggibilità delle immagini si sta procedendo alla digitalizzazione dei materiali in modo da rendere questo importante patrimonio iconografico più facilmente consultabile da ricercatori e studiosi e fondamentale anche per la Direzione Lavori per il proseguimento dei Cantieri in opera sul Monumento.

DONARE ALLA VENERANDA FABBRICA NON E’ MAI STATO COSì SEMPLICE

L’anno 2019 è stato caratterizzato anche dall’introduzione di due nuove forme per sostenere i restauri della Cattedrale. Accanto ai tradizionali metodi di donazione, a partire da quest’anno è possibile contribuire alla conservazione e alla valorizzazione del Complesso Monumentale del Duomo di Milano attraverso il 5x1000. Si tratta di un piccolo gesto che non costa nulla ma che può tuttavia fornire un aiuto concreto per le esigenze quotidiane del Duomo. Per dare il proprio supporto, basta apporre la propria firma nello spazio apposito all’interno della dichiarazione dei redditi e inserire il Codice Fiscale della Veneranda Fabbrica: 01989950157.

Da quest’anno, inoltre, è possibile sostenere i lavori di restauro nel tempo anche con l’Addebito Diretto Sepa. Autorizzando un Addebito Diretto Sepa il Donatore consente alla sua banca di procedere con il versamento “automatico” di un importo, a cadenza regolare, accreditato a favore della Veneranda Fabbrica del Duomo. Attraverso questo sistema ogni Donatore potrà scegliere la cifra da versare e ogni quanto dare il proprio supporto, in modo continuativo, ma con la possibilità di revocare l’autorizzazione in qualsiasi momento.

Per avere maggiori informazioni:

Ufficio Donazioni
Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano
Via Carlo Maria Martini, 1 – Milano
Orario di apertura al pubblico: lunedì–venerdì: 9.30-12.30 / 14.30-18.00
Numero verde: 800.528.477
Fax: 02.72022419
donazioni@duomomilano.it