STORIA DEL DUOMO
...

La Storia del Duomo


La storia dell’edificio si può condensare in queste fasi fondamentali:

Nascita del Duomo di Milano
(1386-1387)
L’arcivescovo Antonio da Saluzzo progetta una nuova Cattedrale, che sorgerà al posto di quella di Santa Maria Maggiore e sarà dedicata a Santa Maria Nascente.

Fase Viscontea (1387-1447)
Gian Galeazzo Visconti, Signore di Milano, fonda la Veneranda Fabbrica del Duomo con lo scopo di portare avanti i lavori di progettazione, costruzione e conservazione della Cattedrale e la decisione di utilizzare il marmo di Candoglia per la costruzione dell’intero monumento.
Arrivano a Milano architetti, scultori e maestranze provenienti dal centro Europa, attirati dalla grandiosità del progetto.

Fase Sforzesca (1450-1520)
L’edificio prolunga le navate fino alla terz’ultima campata, viene costruito l’elegante gugliotto dell’Amadeo e le più belle vetrate.

Fase Borromaica (1560-1650)
Gli arcivescovi Carlo e Federico Borromeo introducono le influenze della Riforma Cattolica nello stile del Duomo, di cui sono esempi i Quadroni di San Carlo ed il coro ligneo.

Sei-Settecento (1650-1800)
Avviene il completamento del tiburio con la gran guglia e la Madonnina.

Ottocento (1800-1900)
In questi anni si ha la conclusione della facciata e degli ornati. Sono di questo periodo le vetrate istoriate, ma con la tecnica del vetro dipinto a smalto.

Dal Novecento ad oggi (1900-oggi)
E’ il periodo dei grandi restauri, in cui si attuano i primi scavi archeologici in Piazza del Duomo.

Per saperne di più:
-
C. Ferrari da Passano, Storia della Veneranda Fabbrica, Milano, 1998, pp. 37-46
- Giulia Benati e Anna Maria Roda (a cura di), Il Duomo di Milano: dizionario storico artistico e religioso , Milano, NED, 2001