CHIESA CATTEDRALE
...

L'Organo del Duomo

Costruito dalle ditte Mascioni di Cuvio (Varese) e Tamburini di Crema nel 1938, restaurato e ricollocato integralmente in Presbiterio dalla ditta Tamburini nel 1986, il grande organo del Duomo mantiene saldamente il secondo posto a livello europeo per ciò che concerne il numero di canne e di registri (superato solo dallo strumento del Duomo di Passau, in Germania), risultando inoltre iscritto nell’albo d’oro dei quindici organi più grandi del mondo.

Veramente impressionanti sono gli attuali numeri di questo “gigante”:
• 15.800 canne, di cui la più alta misura oltre nove metri mentre la più piccola misura pochi centimetri
• Cinque corpi d’organo (Grand’Organo Lato Nord e Sud – Positivo e Recitativo Lato Nord – Solo ed Eco Lato Sud – Corale al piano dell’altare)
• Cinque Consolles (Consolle principale a cinque tastiere, Consolle lato altare a tre tastiere, Consolle corale a due tastiere, due Consolles di tribuna a una tastiera)

Se il dato meramente numerico già di per sé è impressionante, ancora più prezioso è il dato artistico: edificato da due tra le più significative tradizioni organarie familiari che hanno segnato il XX secolo il grande organo del Duomo sposa le sonorità intramontabili della tradizione italiana con una struttura fonica decisamente eclettica, che permette la caratterizzazione corretta di una grande porzione di letteratura organistica, risultando uno strumento di assoluta eccezionalità timbrica per l’esecuzione del repertorio romantico – sinfonico, al pari delle più importanti cattedrali europee.

A ciò si aggiunge l’altissima qualità artigianale delle lavorazioni e delle tecnologie impiegate dalle ditte costruttrici; nulla di standardizzato ed “industriale” è presente in quest’organo ma bensì tutto risulta orientato alla creazione di un’opera unica per un ambiente unico.

Lo strumento fu concepito nel 1938 secondo un piano veramente grandioso: sette corpi d’organo vennero collocati in diversi punti del Duomo secondo quest’ordine:

• Organo Positivo – corrispondente alla I tastiera, in alto, nel finestrone sovrastante l’altare di S.Tecla.
• Grand’Organo – corrispondente alla II tastiera, nelle due artistiche casse ai lati dell’Altare maggiore.
• Organo Recitativo – corrispondente alla III tastiera, in alto, nel finestrone che guarda sull’ambulacro del retrocoro (lato Sacrestia delle messe).
• Organo Corale – corrispondente alla III tastiera, sul palco della cantoria collocata sul fondo del coro Capitolare; su tale cantoria venne collocata anche la Consolle principale a cinque tastiere, mentre la Consolle “corale” a una tastiera venne collocata dietro l’altare maggiore onde prestarsi all’accompagnamento dell’ufficiatura dei Canonici,
• Organo Solo – corrispondente alla IV tastiera, in alto, nel finestrone che guarda verso la statua di S.Bartolomeo.
• Organo Eco – corrispondente alla V tastiera, in alto, nel finestrone che guarda sull’ambulacro del retrocoro (lato Sacrestia Capitolare).

Tenuto a battesimo il 4 Novembre 1938 (IV Centenario della nascita di S. Carlo Borromeo) con l’esecuzione della “Missa Sancti Caroli” di Lorenzo Perosi ed inaugurato in due memorabili concerti svoltisi il 17 e il 22 Novembre dello stesso anno da alcuni tra i maggiori organisti italiani dell’epoca quali Adolfo Bossi, Luigi Ferrari – Trecate, Santo Spinelli, Ulisse Matthey e Fernando Germani, lo strumento si prestò egregiamente al servizio liturgico nei decenni successivi sino alla metà degli anni ’60 del XX secolo, quando, a causa degli improcastinabili lavori di rinforzo alla statica del Duomo fu necessario il suo completo smontaggio.

Per sopperire alla momentanea mancanza di sostegno organistico venne costruito dalla ditta Tamburini un nuovo organo corale a trasmissione meccanica, dotato di un carrello mobile motorizzato, per consentirne lo spostamento nei luoghi di volta in volta lasciati liberi dal cantiere.

Quando, nel 1984 si posero le premesse per una ricollocazione del corpus organario venne attentamente valutata e posta in opera una ambiziosa soluzione tecnico – architettonica atta al raggruppamento dei corpi d’organo nella zona del Presbiterio, ricollocando le migliaia di canne precedentemente “disperse” dietro ai finestroni sopra le sacrestie.Vennero così create ex novo due casse situate a lato di quelle cinquecentesche che, sebbene forse discutibili dal lato estetico, hanno il merito di aver ravvicinato il materiale sonoro, evitando i grandi problemi di controllo dell’assieme e di stabilità dell’accordatura che si verificavano con la disposizione precedente.

La grande Consolle a cinque tastiere (vero capo d’opera) venne collocata sul lato destro del Presbiterio, in posizione equidistante da tutte le sezioni sonore, mentre una Consolle sussidiaria – a tre tastiere – trova posto in plano, sul lato sinistro dell’altare, dirimpetto all’organo corale al quale è collegata con trasmissione elettromeccanica; con tale soluzione è possibile accompagnare agevolmente la cappella musicale intervenendo – qualora siano previste parti solistiche o richieste grandi sonorità – con parte delle divisioni del Presbiterio (Grand’Organo Nord – I tastiera e Grand’ Organo Sud – III tastiera).

L’intero complesso organario rinnovato venne solennemente inaugurato l’8 Settembre 1986 con un concerto del m° Luigi Benedetti, allora organista titolare della Cattedrale.
Lo strumento, affidato alle cure dei due organisti titolari, si presta alla solennizzazione di tutti i servizi prefestivi e festivi, consentendo inoltre di poter proporre esecuzioni concertistiche che hanno visto la presenza di alcuni tra i più significativi interpreti del panorama internazionale.