Edizioni it en

Il Duomo al tempo di Leonardo

la Veneranda Fabbrica rende omaggio al maestro con un pomeriggio di studio ed approfondimento in Cattedrale

Convegno Leonardo
Lun, 6 Maggio Mag 2019 1600 - 1930


“Il Duomo al Tempo di Leonardo”
nel 500° anniversario della morte del maestro

Lunedì 6 maggio 2019
dalle ore 16.00 alle ore 19.30

Cappella Feriale del Duomo di Milano

Ingresso libero fino ad esaurimento posti con prenotazione obbligatoria
POSTI A DISPOSIZIONE ESAURITI

Potrete seguire il convegno in streaming attraverso il canale YouTube del Duomo di Milano al seguente link: http://bit.ly/YouTubeDuomoMilano
oppure in diretta su ChiesaTv, canale 195 del digitale terrestre
________________________________________________________

Programma

16.00 -16.30: Registrazione dei partecipanti e saluti istituzionali
-
16.30 – 17.00: Lorenzo Finocchi Ghersi - Università IULM, Milano
“Non lasciò mai il disegnare et il fare di rilievo, come cose che gl’andavano a fantasia più d’alcun’altra”.
Leonardo nella Milano sforzesca

-
17.00 – 17.30: Daniele V. Filippi - Schola Cantorum Basiliensis Basiliensis FHNW
Il cantiere musicale di Franchino Gaffurio, maestro di cappella del Duomo
Esecuzione dal vivo della Cappella Musicale del Duomo di Milano
di musiche tratte dai Codici Gaffurio diretta da Don Claudio Burgio
-

18.00 – 18.30: Francesco Repishti - Politecnico di Milano
La sfida del Tiburio
-
18.30 – 19.00: Francesco Canali - Direzione Cantieri Veneranda Fabbrica
Stefano Della Torre - Politecnico di Milano
Facciamo i conti con Leonardo
-
19.00 – 19.30: Conclusione e saluti

Introduce e coordina

Armando Torno
Evento in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC
della Provincia di Milano - Riconosciuti 3 cfp agli Architetti
Per informazioni:
leonardo500@duomomilano.it

_________________________

POSTI A DISPOSIZIONE ESAURITI

Il 2 maggio 1519 moriva Leonardo da Vinci, inventore, pittore, scienziato, emblema della cultura rinascimentale. 500 anni dopo, questa data diventa il fulcro di un fitto palinsesto di iniziative e celebrazioni che permetteranno di ricostruire e ripercorrere i molteplici aspetti della personalità e della vicenda artistica e umana del genio fiorentino. A distanza di mezzo millennio, c’è qualcosa che ancora il grande pubblico non conosce e, che proprio in occasione di questa ricorrenza, avrà occasione di scoprire.

Tra le migliaia di nomi di architetti, scultori, maestranze iscritti, riga dopo riga, nei registri contabili conservati presso l’Archivio della Veneranda Fabbrica, compare un Leonardus florentinus, quale destinatario di un pagamento per la progettazione di un modello in legno del tiburio. Si tratta proprio di Leonardo da Vinci, che si cimentò, alla fine del Quattrocento, nella sfida di trovare una soluzione alla chiusura della volta tra le navate e il transetto del Duomo. Insieme a lui, i migliori architetti e ingegneri dell’epoca furono coinvolti, sia dalla Fabbrica che dalla corte ducale, nel tentativo di risolvere quella che fu una vera e propria “crisi”, durata oltre vent’anni. Questo concorso di ingegni, unito alla vivacità culturale ed economica della Milano sforzesca di fine secolo, portarono il cantiere della Cattedrale milanese al centro dell’attenzione nel panorama internazionale.

Il Duomo al tempo di Leonardo” è il titolo scelto per il pomeriggio di studio e di approfondimento che si terrà lunedì 6 maggio, dalle ore 16.00 alle ore 19.30, nella Cappella Feriale del Duomo, introdotto e coordinato da Armando Torno, con ingresso libero con prenotazione fino ad esaurimento posti (scrivendo a leonardo500@duomomilano.it). L’iniziativa è inserita all’interno del palinsesto di eventi ““Milano e Leonardo” promossi dal Comune di Milano.

Potremo ripercorrere i primi passi di Leonardo a Milano, immaginare le sue impressioni di fronte a una realtà così diversa da quella fiorentina e a quello che lui stesso definirà il malato domo, proponendosi come medico architetto. Verrà ricostruita la storia di quel tiburio così difficile da portare a termine, una storia fatta di tentativi, di ricerche incessanti di architetti che si assumessero la responsabilità di un incarico tanto prestigioso e gravoso, fino ad arrivare alla soluzione e alla tanto desiderata chiusura della volta. Saranno condivisi con il pubblico i risultati degli studi condotti dal Politecnico di Milano e i modelli derivati proprio dagli schizzi di Leonardo, realizzati a partire dai rilievi effettuati per i restauri attualmente in corso al tiburio. Questa proposta non vuole infatti limitarsi a una ricostruzione storica, ma intende – come è insito nella natura stessa della Veneranda Fabbrica– ragionare in termini di fattibilità. Si cercherà dunque di comprendere se il progetto di Leonardo, mai consegnato in via definitiva, fosse effettivamente realizzabile, in che termini e con quali esiti.

L’evento, promosso in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano, riconosce 3 cfp agli Architetti.

Tutti gli eventi "Cultura ed arte"