Edizioni it en

Triduo del Santo Chiodo e Rito della Nivola

La presenza del Santo Chiodo è ininterrottamente documentata nella Cattedrale milanese dalla fine del XIV secolo

15
Orario:07:00 - 18:30 Ogni:
  • Lunedì
  • Sabato
  • Domenica
fino a: 14/09/2020

TRIDUO DEL SANTO CHIODO

SABATO 12 SETTEMBRE
- ore 15.00
Vespri presieduti da Sua Eccellenza Monsignor Arcivescovo, Rito della Nivola ed esposizione del Santo Chiodo
- ore 17.30 Eucaristia vigiliare

DOMENICA 13 SETTEMBRE
Giornata mondiale per le Opere della Terra Santa

Celebrazioni eucaristiche ore 7.00 - 8.00 - 9.30 - 11.00 - 12.30 - 17.30

- ore 10.25 Lodi mattutine
- ore 11.00 Eucaristia capitolare
- ore 16.00 Vespri e Processione con il Santo Chiodo

LUNEDÌ 14 SETTEMBRE
Festa dell’Esaltazione della Santa Croce

Celebrazioni eucaristiche ore 7.00 - 8.00 - 11.00 - 13.00 - 17.30

- ore 17.30 Eucaristia capitolare e celebrazione dei Vespri, Rito della Nivola e riposizione del Santo Chiodo

Il Santo Chiodo è conservato nell’attuale Duomo dal 20 Marzo 1461, quando venne solennemente traslato dall’antica basilica “estiva” di Santa Tecla, ormai in via di demolizione, nella nuova e più grande Cattedrale, ancora in costruzione nell’area già occupata dalla basilica “invernale” di Santa Maria Maggiore.

La devozione al Santo Chiodo, la cui presenza è ininterrottamente documentata nella Cattedrale milanese dalla fine del XIV secolo sino ai nostri giorni, non è mai venuta meno nel popolo ambrosiano, ma venne incentivata soprattutto dall’arcivescovo Carlo Borromeo, che inaugurò il suggestivo Rito della Nivola e introdusse la Processione cittadina con l’insigne Reliquia della Passione del Signore. Volle infatti che la Processione con il Santo Chiodo fosse ripetuta ogni anno il 3 Maggio, festa del Ritrovamento della Santa Croce, secondo l’antico calendario liturgico. L’attenzione dei fedeli si concentrava tuttavia sul momento iniziale della cerimonia, quello del prelevamento della Reliquia. Essa infatti era – ed è tuttora – conservata in un tabernacolo (sempre segnalato da una lampada rossa) posto sulla sommità della volta interna del Duomo, in luogo eminente e inaccessibile se non con quella particolare “macchina” detta appunto Nivola. Con questo nome, derivato dal dialetto milanese, si designa una sorta di “ascensore”, a forma di nuvola e decorato con tele dipinte, statue di angeli e drappeggi (risalente nella sua forma attuale al 1624), unico mezzo con il quale è possibile raggiungere il tabernacolo del Santo Chiodo. Sempre attraverso la Nivola, la preziosa Reliquia veniva ricollocata nel suo tabernacolo al termine delle celebrazioni che duravano fino al 5 Maggio.

Oggi, con il nuovo ordinamento liturgico, la festa del 3 Maggio in onore della Croce è stata soppressa e quindi il Triduo del Santo Chiodo, con il Rito della Nivola, è stato opportunamente ripristinato, anche a seguito del complesso e lungo lavoro di consolidamento del tiburio, attraverso la sua collocazione nei tre giorni (sabato, domenica e lunedì) più vicini al 14 Settembre, festa dell’Esaltazione della Santa Croce. In tale occasione, all’inizio dei Vespri del sabato, attraverso la Nivola viene prelevata la teca contenente la Reliquia, che viene mostrata al popolo inserita in una grande croce di legno dorato. La Processione, che ai tempi di san Carlo dal Duomo giungeva fino alla vicina chiesa di San Sepolcro, oggi si tiene esclusivamente all’interno della Cattedrale, al termine dei Vespri della domenica. Infine, la sera del lunedì, con una nuova “ascensione”, il Santo Chiodo viene ricollocato nel suo tabernacolo che veglia dall’alto sull’altare e su tutta la Cattedrale.

La celebrazione dei Vespri presieduta dall’arcivescovo monsignor Mario Delpini (Sabato 12 Settembre, alle ore 15.00), come pure l’Eucaristia capitolare (Domenica 13 Settembre, alle ore 11.00) e la celebrazione conclusiva del Triduo (Lunedì 14 Settembre, alle ore 17.30) possono essere seguite in diretta televisiva sul canale 195 del Digitale terrestre e in streaming sul Sito della Diocesi di Milano (www.chiesadimilano.it).

Tutti gli eventi "Vita liturgica"